Senato, via libera alla riforma

"La riforma costituzionale appena votata in prima lettura ridisegna in modo innovativo il rapporto tra Stato, Regioni ed enti locali e ci restituirà un Senato più vicino ai territori". Lo ha dichiarato il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Maria Carmela Lanzetta.

"Grazie alla nuova composizione, che vedrà i rappresentanti di Regioni e comuni sedere in questo ramo del Parlamento, finalmente i territori saranno protagonisti dei processi decisionali - ha aggiunto il Ministro.

Fondamentale la riforma del Titolo V, con l'eliminazione della legislazione concorrente tra Stato e Regioni e una nuova collocazione delle competenze legislative che contribuirà a diminuire il contenzioso costituzionale e ad eliminare confusioni e sovrapposizioni che negli anni hanno rallentato il nostro sistema".

"Dopo anni di discussione - aggiunge il Ministro - avremo una nuova architettura istituzionale che porta al centro i territori, disegnando una migliore cooperazione tra livelli di governo e una più precisa definizione delle rispettive competenze.

Oggi - ha concluso il Ministro Lanzetta - il Parlamento compie una tappa importante nel processo di autoriforma della politica rispondendo alle esigenze dei cittadini e del nostro sistema economico".