Stati generali della salute, il ministro Lanzetta: "Il servizio sanitario nazionale è una grande conquista del Paese"

"Il Servizio sanitario nazionale è una delle più grandi conquiste del nostro Paese". Lo afferma il Ministro per gli Affari regionali Maria Carmela Lanzetta, che oggi è intervenuta agli Stati Generali della Salute. Per questo, ogni cambiamento del sistema "sarà affrontato con estrema cautela".

L'obiettivo, secondo il Ministro, deve essere "quello di un riassetto che ne aggiorni il modello organizzativo e strutturale, riallocando le risorse all'interno del medesimo sistema, per meglio rispondere ai cambiamenti in atto, primo fra tutti la tendenza all'invecchiamento della popolazione da assistere".

In questa chiave, "il nuovo Patto per la salute rappresenta una grande opportunità per potenziare le capacità del sistema sanitario di convertire le risorse in valore, attraverso investimenti in medicina del territorio, potenziando i servizi residenziali e domiciliari, passando per il potenziamento della comunicazione con i cittadini e del controllo della legalità nell'utilizzo delle risorse".

"La programmazione del Fabbisogno Standard del Servizio Sanitario Nazionale e dei Fabbisogni Standard Regionali, prevista dal Nuovo Patto per la Salute", aggiunge il Ministro, "contribuirà a verificare se il sistema  sarà in grado effettivamente di garantire lo stesso livello di tutela della salute e superare il divario oggi esistente tra le diverse realtà regionali".

"I costi standard rappresentano infatti lo strumento per garantire l'erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza agli stessi costi, eliminando sprechi ed inefficienze", sottolinea Lanzetta, evidenziando come "soltanto così si può pensare di ottimizzare la spesa sanitaria".