Dipartimento per gli Affari Regionali, le Autonomie e lo Sport

Ministro Costa: "Stato non tolleri che nascita di un figlio sia passo verso povertà"

lunedì 14 marzo 2016

"Lo Stato non può tollerare che la nascita di un figlio costituisca per tante famiglie italiane un passo verso la povertà”.

Così il Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, con delega alla famiglia, Enrico Costa, commentando i dati sulla povertà in Italia illustrati oggi dall’Istat nel corso di un’audizione presso le Commissioni Lavoro e Affari sociali della Camera, che stanno esaminando il Ddl di contrasto alla povertà.

“Questo provvedimento – aggiunge Costa - è fondamentale per un approccio organico ai problemi e alle esigenze che affliggono le famiglie italiane. Le coppie con figli oggi non sono adeguatamente sostenute.

Ci sono misure utili che, in quanto sganciate tra loro, incidono solo relativamente sulle esigenze più immediate delle famiglie. Questo provvedimento può essere l’occasione per un riordino complessivo delle misure di sostegno familiare, che attualmente sono prive di un impatto organico e, come tali, non sono percepite dalle famiglie italiane come frutto di un univoco impegno dello Stato per dare loro prospettive certe di fronte alla crisi e alle difficoltà. Se le famiglie più numerose sono anche le più povere, se cresce la denatalità in modo esponenziale, lo Stato ha il dovere di fare autocritica. È una tendenza che viene da lontano: dobbiamo impegnarci per invertirla”.

 

*Testo a cura dell'Ufficio Stampa