Bressa, dalla Conferenza Unificata via libera ai provvedimenti sull’insegnamento e ai Grandi progetti Beni culturali

“Dalla Conferenza Unificata, convocata oggi in seduta straordinaria al Dipartimento per gli Affari regionali, arriva il parere positivo per due importanti misure del Governo, volte a garantire maggiore flessibilità al mondo dell’insegnamento e nuovo impulso al patrimonio artistico e culturale del nostro Paese” lo ha detto Gianclaudio Bressa, sottosegretario di Stato per gli Affari Regionali.

Alla riunione hanno partecipato anche Dario Franceschini, ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, e Dario Faraone, sottosegretario di Stato del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

Nello specifico, la prima misura esaminata riguarda lo schema di regolamento per la razionalizzazione e l’accorpamento delle classi di concorso a cattedre e posti di insegnamento. Rispetto a quelle previste dalla legislazione vigente, lo schema di regolamento prevede anche l’aggiunta di 11 nuove classi di concorso per l’insegnamento nelle scuole secondarie di primo e secondo grado.

Il provvedimento è stato esaminato con particolare urgenza, in quanto consente di bandire, entro dicembre 2015, il nuovo concorso per docenti previsto dalla legge 107 del 13 luglio 2015 (la Buona Scuola).

La Conferenza Unificata, inoltre, ha espresso parere positivo anche sul piano strategico “Grandi progetti Beni culturali”, previsto dalla Legge Art Bonus, che stanzia 80 milioni di euro di investimenti nel biennio 2015-2016. La misura è destinata a progetti di completamento dei grandi musei nazionali di rilevante interesse culturale, offrendo risorse per 12 progetti che interessano le Regioni del Centro Nord, andando, quindi, ad integrare i 490 milioni previsti  dal Pon (Programma Operativo Nazionale)  per le Regioni del Sud.