Stelvio: accordo raggiunto tra Province di Trento e Bolzano, Regione Lombardia e Ministero dell'Ambiente

Accordo raggiunto sul futuro del Parco dello Stelvio fra le Province di Trento e Bolzano, la Regione Lombardia e il Ministero dell'Ambiente.

La firma dell'intesa è stata siglata oggi al Dipartimento degli Affari regionali alla presenza del Sottosegretario Bressa, a cui è stato affidato il delicato ruolo di coordinamento che ha portato al raggiungimento dell'intesa: "Si raggiunge oggi un risultato storico, atteso ormai da 30 anni. Il futuro del Parco Nazionale dello Stevio, uno dei fiori all'occhiello del patrimonio naturalistico del nostro Paese, e' garantito oggi da una norma fortemente innovativa che trova le sue basi nell'azione condivisa dei quattro enti coinvolti nella gestione del Parco "- ha dichiarato il sottosegretario Bressa.

Il Sottosegretario Barbara Degani del Ministero dell'Ambiente ha espresso "soddisfazione per un'intesa raggiunta con grande difficoltà, ma con il reale impegno di tutti i soggetti coinvolti. Abbiamo lavorato, ognuno con le sue istanze e con le sue competenze, per un obiettivo unico che e' quello di tutelare e valorizzare un patrimonio naturale, paesaggistico, di biodiversità e turistico unico al mondo. Oggi l'intesa non e' un punto di arrivo, ma l'inizio di un nuovo percorso condiviso".

Affermando i principi del reciproco affidamento e di una gestione condivisa tra enti autonomi, l'intesa sancisce la soppressione del Consorzio del Parco nazionale dello Stelvio, sorto nel 1993, e istituisce la nascita di un Comitato di coordinamento ed indirizzo. A tale organo, composto dalle province di Trento e Bolzano e dalla regione Lombardia, sarà affidata la tutela e la gestione del Parco. Il Ministero dell'ambiente si riserverà invece un parere vincolante su piano e regolamento e proposte di modifica.