Riforme: "Aprire al confronto tra Regioni, Province speciali e Stato"

“Quando si parla di specialità la questione più importante e più seria, è quella di rinsaldarne il carattere pattizio e cominciare a riscrivere insieme, Regioni, Province Autonome e Stato, il percorso della revisione degli Statuti”.

Lo ha detto l’on. Gianclaudio Bressa, sottosegretario di Stato per gli Affari regionali, alla commissione bicamerale per le Questioni regionali, sull'attuazione degli statuti delle Regioni ad autonomia speciale.

 “A questo fine – ha proseguito Bressa -  mi sembrerebbe opportuno e utile aprire un confronto unitario tra Regioni e Province speciali e Stato, anche promuovendo un confronto in questa sede, che potrebbe concludersi con una convenzione tra lo Stato e le Autonomie speciali, che tracci le linee procedurali per la revisione degli Statuti, facendo di questo un passaggio repubblicano, capace di esaltare il pluralismo costituzionale italiano e rimotivare i fondamenti della specialità in chiave di responsabilità e solidarietà”.

 “Non sono solo gli Statuti a generare la specialità - ha concluso Bressa -È piuttosto la specialità “sentita” e declinata in un disegno di autonomia a determinare gli spazi di vera differenziazione e di vera efficienza delle Regioni Speciali”.